Home » Terza missione » Produzione e gestione dei beni culturali
Titolo Categorie TM Progetto Data inizio Data fine Responsabile Coordinatori Personale interno coinvolto Autore Descrizione
Il più antico mosaico: a proposito del pavimento dell’Edificio II a Uşaklı Höyük (Turchia) Rapporto tra comunità accademica e soggetti esterni,
Presentazione di attività del Dipartimento,
Collaborazione del personale del Dipartimento ad associazioni/strutture con finalità di Terza Missione,
Produzione e gestione dei beni culturali,
Scavo archeologico e ricognizione,
Attività legata allo scavo archeologico,
Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
Public Engagement,
Pubblicazioni divulgative, siti web, blog e profili social,
Partecipazioni a trasmissioni radiotelevisive e interviste,
Uşaklı Höyük Archaeological Project
26/09/2021
  • Anacleto D'agostino,
  • Anacleto D'agostino,
Emanuele Taccola, Anacleto D'agostino

Ampio spazio è stato dedicato sui media turchi e francesi alla scoperta del paviento a mosaico di pietre che la missione archeologica a Uşaklı Höyük ha riportato alla luce nella campagna 2018. Si tratta del più antico esempio dell'uso di pietre colorate disposte a formare motivi geometrici documentato nel Vicino Oriente e probabilmente tra i più antichi dell'intero bacino del Mediterraneo. Il mosaico è collocato nella corte del grande edificio II messo in luce nell'Area A e data al periodo ittita, probabilmente tra XV e XIV sec. a.C.

Visite guidate allo scavo di San Sisto, 17 e 24 settembre 2021 Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
San Sisto project
17/09/2021 24/09/2021
  • Federico Cantini,
  • Chiara Tarantino,
Emanuele Taccola, Chiara Tarantino

Venerdì 17 e 24 settembre 2021 sarà possibile visitare lo scavo archeologico del giardino della chiesa di S. Sisto, condotto dal Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa.

La ricerca, iniziata nella primavera del 2020, sta permettendo di ricostruire la storia di quest’area centrale della città. Ad oggi sono state scavate le fasi comprese tra l’XI secolo e l’Età contemporanea, ma numerosi reperti databili fino all’VIII secolo a.C. suggeriscono una frequentazione che risale molto più indietro nel tempo. Relativamente al XII-XIII secolo, gli archeologi stanno riportando alla luce i resti del chiostro di San Sisto e le sepolture privilegiate di personaggi di spicco nella comunità medievale.

Lo scavo si aprirà grazie alle visite guidate gratuite offerte dagli archeologi

  • il 17 settembre alle 10.00, alle 11.30, alle 14.30 e alle 16.00
  • il 24 settembre alle 10.00, alle 11.30, alle 14.30

Per partecipare è necessaria la prenotazione, da effettuare tramite posta elettronica scrivendo a labarcheologiamedievale@gmail.com. Nella mail dovranno essere specificati: giorno e turno desiderato, nome, cognome e recapito telefonico del richiedente.

In ottemperanza al D.R. 1128 del 30 luglio 2021, per accedere all’area archeologica i visitatori dovranno esibire la certificazione verde COVID-19.

Missione di ricerche archeologiche a Uşaklı Höyük 2021 Produzione e gestione dei beni culturali,
Scavo archeologico e ricognizione,
Attività legata allo scavo archeologico,
Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
Formazione Continua,
Attività di Formazione continua in relazione enti e istituzioni,
Uşaklı Höyük Archaeological Project
24/08/2021 15/10/2021
  • Anacleto D'agostino,
  • Anacleto D'agostino,
Emanuele Taccola, Anacleto D'agostino

L'attività si inquadra tra le azioni che la Missione Archeologica Italiana in Anatolia Centrale sta mettendo in campo per riportare alla luce i resti dell'antico insediamento individuato sul sito di Uşaklı Höyük e ricostruirne lo sviluppo nel corso dei millenni. L'interesse verso il porgetto da parte delle autorità e comunità locali oltre che dal mondo accademico è motivato dall'importanza del livello di Tardo Bronzo che si distingue per qualità e quantità di ritrovamenti, rafforzando la proposta identificazione con la città santa ittita di Zippalanda, sede di un importante tempio del dio della tempesta.

Giornata di presentazione “Ricerche in corso nel Parco Archeologico di Pompei” 2021 Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
20/07/2021 20/07/2021
  • Anna Anguissola,
Emanuele Taccola, Chiara Tarantino

Partecipazione alla giornata di presentazione "Ricerche in corso nel Parco Archeologico di Pompei" organizzata dal Parco Archeologico di Pompei, svolta presso l'Auditoriun del Parco.

Video reportage “Pompei, gli scavi del PRAEDIA Project nel Complesso dei Riti Magici” a cura di Made in Pompei Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
27/07/2021 27/07/2021
  • Anna Anguissola,
  • Chiara Tarantino,
Emanuele Taccola, Chiara Tarantino

Video reportage "Pompei, gli scavi del PRAEDIA Project nel Complesso dei Riti Magici" a cura di Made in Pompei, Quotidiano on-line di promozione territoriale.

Video reportage di Archaeoreporter “Pompei, in “diretta” dagli scavi archeologici del Complesso dei Riti Magici nella Regio II” Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
24/07/2021 24/07/2021
  • Anna Anguissola,
  • Chiara Tarantino,
Emanuele Taccola, Chiara Tarantino

Video reportage sulla campagna di scavo PRAEDIA 2021 a cura di Archaeoreporter, dal titolo "Pompei, in “diretta” dagli scavi archeologici del Complesso dei Riti Magici nella Regio II" di Angelo Cimarosti.

Con interviste a Anna Anguissola, Riccardo Olivito, Chiara Tarantino.

Presentazione di MASC Museo d’arte Sacra di Camaiore Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
Progetto MASC: metodologie e studi per la creazione del sito del Museo d'arte sacra di Camaiore
28/06/2018 28/06/2018
    Non definito
Sonia Maffei

L'evento intende illustrare la complessa attività didattica legata alla realizzaizone del portale MASC, Museo d'arte Sacra di Camaiore. Oltre ai responsabili del Museo e della Diocesi di Lucca, alla giornata partecipano anche alcuni rappresentanti degli studenti che hanno partecipato all'iniziativa.

MASC il portale del Museo d’arte sacra di Camaiore Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
Progetto MuDiC: metodologie e studi per la creazione del sito del Museo d'arte sacra di Camaiore
01/02/2016 31/12/2018
  • Sonia Maffei,
  • Sonia Maffei,
Sonia Maffei

La costruzione del portale dedicato al MASC, Museo d'arte sacra di Camaiore, è stato al centro di numerose iniziative didattiche e di approfondimento che hanno coinvolto studenti dell'Università di Pisa all'interno di attività del Laboratorio LIMES (Laboratorio di metodologie Informatiche per la Storia dell'arte)

Il portale dedicato al Museo è stato realizzato all’interno di un progetto pluriennale sviluppato nel Laboratorio di Elaborazione Informatica di Fonti Storico-artistiche  tenuto dalla prof. Sonia Maffei all'interno del corso di laurea triennale in Scienze dei Beni Culturali. Le quattro sezioni di approfondimento collegate al portale (che propongono  esempi particolarmente importanti della collezione di tessuti, un glossario sull’oreficeria, un’analisi del Polittico di Francesco di Andrea Anguilla, e della Madonna Annunciata del Civitali) sono state realizzate durante il corso di Informatica per i beni culturali tenuto dalla prof. Sonia Maffei per la Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici. Il portale si avvale delle fotografie realizzate con campagne apposite da Simona Bellandi, Elda Chericoni, del Laboratorio Fotografia, Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa. per il montaggio dei video ci siè avvalsi della collaboraizone di Nicola Trabucco, Laboratorio Audiovisivi, Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa.

Tavola Rotonda: La valorizzazione del territorio della Val di Lima attraverso i Beni Culturali: Il sito del MUdiC Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
Materiali e Metodologie per il sito del Museo di S. Cassiano di Controne
01/06/2021 01/06/2021
  • Sonia Maffei,
  • Sonia Maffei,
Sonia Maffei, Sonia Maffei

Martedì 1 giugno 2021 ore 16, 30, all'interno delle attività del laboratorio LIMES ed in particolare in rapporto al progetto dedicato al sito web del Museo di San Cassiano di Controne,  si è tenuta una tavola rotonda legata al tema della valorizzazione dei temi culturali sul web  con esperti e rapprensentanti degli enti locali.

Sono intervenuti S.E.R. Mons. Paolo Giulietti Arcivescovo di Lucca;

Marta Piacente , Camera  di Commercio di Lucca,  Servizio Promozione e Sviluppo per le imprese;

Ilaria Vietina, Comune di Lucca, assessora alle politiche formative,  alle politiche di genere e alla continuità della memoria storica;

David Bonaventuri Pro Loco Bagni di Lucca, segretario;

Antonio Bianchi Comune Bagni di Lucca, assessore alla cultura

 Valentino Anselmi Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, Lucca, funzionario Ufficio tutela beni storico artistici

Hanno moderato: Franco Vitali Parrocchia di San Cassiano di Controne, parroco

Antonella Paola Andreuccetti, direttrice del Museo parrocchiale di San Cassiano di Controne

Sonia Maffei, Università di Pisa, responsabile Laboratorio LIMES

Presentazione del sito di MUdiC Museo di San Cassiano di Controne Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
Materiali e Metodologie per il sito del Museo di S. Cassiano di Controne
29/03/2021 29/03/2021
  • Sonia Maffei,
  • Sonia Maffei,
Sonia Maffei, Sonia Maffei

La presentazione del sito di MUdiC Museo di San Cassiano di Controne, da collocarsi tra le attività didattiche e di disseminazione del laboratorio LIMES (gli "Incontri di LIMES"), ha inteso promuovere una discussione  tra gli studenti, gli operatori museali e il pubblico, sulle metodologie utilizzate nella costruzione del sito internet del Museo parrocchiale di S. Cassiano di Contorne realizzato all'interno del laboratorio LIMES.

Alla presentazione hanno partecipato:

Sonia Maffei 

(Università di Pisa)

Michelangelo Giannotti
(Direttore Ufficio Beni Culturali,  Arcidiocesi di Lucca)

Paola Antonella Andreuccetti
(Direttore del Museo di San Cassiano di Controne)

Gaia Pucci
(Tirocinante di LIMES)


La presentazione si è svolta il 29 marzo 2021 alle ore 16 sulla Piattaforma Teams Unipi, nell'aula virtuale del “Laboratorio di elaborazione informatica di fonti storico artistiche”.

 

MUdiC (Museo di San Cassiano di Controne): il sito del Museo Parrocchiale di S. Cassiano di Controne Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
Materiali e Metodologie per il sito del Museo di S. Cassiano di Controne
01/09/2020 29/03/2021
  • Sonia Maffei,
  • Sonia Maffei,
Sonia Maffei, Sonia Maffei

Il portale è stato realizzato all’interno delle attività didattiche e laboratoriali tenute presso il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa: Laboratorio LIMES (Laboratorio di Metodologie Informatiche per la Storia dell’arte)  sotto la direzione della Professoressa Sonia Maffei.
In particolare il sito dedicato al Museo è stato realizzato all’interno del progetto formativo per le attività di tirocinio curriculare ed è stato perfezionato in una tesi  del corso triennale in Scienze dei Beni culturali della studentessa Gaia Pucci, dal titolo "I Musei della Val di Lima sul web:  Progetti e materiali per il sito del museo d’arte sacra di San Cassiano di Controne", tutor prof. Sonia Maffei, a.a. 2020-2021.

Direzione scientifica del sito:  Paola Antonella Andreuccetti, Sonia Maffei.

Comitato scientifico del sito : Paola Antonella Andreuccetti, Antonella Capitanio, Lamberto Crociani, Sonia Maffei, Ilaria Vietina.

Curatela del sito: Gaia Pucci, Paolo Barontini.

Campagna fotografica del sito: Giorgio Andreuccetti, David Bonaventuri, Paul Anthony Davies.

per maggiori informazioni cfr. la pagina del sito del laboratorio LIMES: https://limes.cfs.unipi.it/mudic-museo-di-san-cassiano-di-controne/

Campagna di indagine archeologica a Pompei – 2021 Produzione e gestione dei beni culturali,
Scavo archeologico e ricognizione,
PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
05/07/2021 23/07/2021
  • Anna Anguissola,
Antonio Monticolo, Emanuele Taccola, Chiara Tarantino, Chiara Tarantino

Parte il prossimo 5 luglio la nuova campagna archeologica del PRAEDIA Project, il progetto di scavo avviato nel 2016 che ha l’obiettivo di raccogliere nuovi dati sull’edilizia residenziale di Pompei. Portata a termine la ricerca sui Praedia di Giulia Felice grazie alle campagne di prospezioni e scavi negli anni 2016-2020, il lavoro si concentrerà ora sul Complesso dei Riti Magici, che si apre su via di Nocera e occupa la parte centrale dell’Insula 1 della Regio II.

Il PRAEDIA Project, “Pompeian Residential Architecture: Environmental, Digital, and Interdisciplinary Archive”, è frutto di un programma di collaborazione tra il Parco Archeologico di Pompei, il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa, la Scuola IMT Alti Studi Lucca (attraverso il centro LYNX) e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), con il coordinamento di Maria Luisa Catoni (Scuola IMT Alti Studi Lucca) e Massimo Osanna (già Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei). Nel triennio 2018-2020 PRAEDIA ha inoltre coinvolto i membri dello SMART Lab della Scuola Normale Superiore.

La campagna di scavo 2021 è diretta da Luana Toniolo (Parco Archeologico di Pompei) e coordinata da Anna Anguissola (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa) e da Riccardo Olivito (Scuola IMT Alti Studi Lucca). La sua finalità? Ricostruire l’interessantissima storia edilizia del Complesso dei Riti Magici, una singolare struttura che – si ipotizza – sorgeva su un’area originariamente occupata da tre “case a schiera” costruite fra il III e il II secolo a.C., successivamente accorpate a formare un’abitazione più grande, ristrutturata e riorganizzata a più riprese nei secoli.

Un lavoro complesso che sarà portato avanti da una squadra mista Università di Pisa-Scuola IMT, di cui faranno parte Chiara Tarantino (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa) e Emanuele Taccola (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa, laboratorio LaDiRe). Con loro saranno impegnati nove studenti dell’Università di Pisa (Chiara Balestrino, Jessica Bartelloni, Manuela Cascetta, Dominika Walentyna Kaszubska, Lisa Lazzaroni, Daniele Renna, Giulia Sportelli, Angelica Tortorella) e alcuni dottorandi dell’Università di Pisa (Antonio Monticolo) e della Scuola IMT Alti Studi Lucca (Nicole Crescenzi, Rodolfo Gagliardi e Silvio La Paglia). A luglio lo scavo si concentrerà sulle aree a giardino aperte del Complesso dei Riti Magici.

La struttura del Complesso dei Riti Magici, messa in luce tra il 1953 e il 1958, deve il suo nome ad alcuni oggetti rinvenuti al suo interno, in particolare due mani in bronzo decorate con figure animali e vegetali, due crateri con la medesima simbologia e due riproduzioni di serpenti in ferro. Inizialmente si pensò che queste suppellettili appartenessero a una sibilla che qui svolgeva i propri riti. Studi recenti hanno invece ipotizzato che l’edificio, dal 62 d.C. fino al momento della sua distruzione causata dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., fosse destinato alle celebrazioni del culto di origine tracia del dio Sabazio, venerato anche dal proprietario di una domus vicina, che possedeva un busto in bronzo del dio. In effetti, questo vasto complesso, composto da tre ampie aree aperte sulle quali si aprono piccole stanze secondo una planimetria peculiare, può essere difficilmente identificato come semplice domus.

Sarà possibile seguire il progetto e la campagna di scavo 2021 sul nuovo sito web (www.praediaproject.com) e sui profili Instagram (www.instagram.com/praediaproject, #PRAEDIA) e Twitter (@PraediAproject).

La Gipsoteca partecipa al progetto Linea Galileo Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
Valorizzazione della Gipsoteca di arte antica
30/06/2021
  • Anna Anguissola,
  • Chiara Tarantino,
Cristiana Petrinelli Pannocchia, Emanuele Taccola, Chiara Tarantino

Linea Galileo, progetto del Comune di Pisa, inaugura un nuovo modo di esplorare la città di Pisa associando ai luoghi contenuti digitali interattivi che consentano a tutti (cittadini, studenti, turisti) di esplorare il territorio, la sua cultura e le sue iniziative usando il proprio dispositivo mobile (tablet o cellulare) e scansionando i codici QR presenti sul territorio. Il proprio dispositivo visualizzerà contenuti sempre nuovi ed interattivi che cambieranno nel tempo offrendo informazioni sempre nuove.

La Gipsoteca partecipa al progetto, coordinato per lo SMA da Chiara Bodei. Resposnabile per la Gipsoetca Anna Anguissola, coordinamento di Chiara Tarantino, Testi di Chiara Tarantino e Cristiana Petrinelli, foto di Chiara Tarantino, Emanuele Taccola e Fabio Fagiolini.

Video reportage di Archaeoreporter Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
San Sisto project
27/06/2021 27/06/2021
  • Federico Cantini,
  • Chiara Tarantino,
Antonio Fornaciari, Emanuele Taccola, Chiara Tarantino

Video reportage "In “diretta” dallo scavo archeologico nel cuore di Pisa: San Sisto Project. Con sorprese etrusche e cinesi" a cura di Angelo Cimarosti per Archaeoreporter

https://www.archaeoreporter.com/2021/06/27/in-diretta-dallo-scavo-archeologico-nel-cuore-di-pisa-san-sisto-project-con-sorprese-etrusche-e-cinesi-con-video

https://www.youtube.com/watch?v=rO94jp5vECU

 

San Sisto Project – Conferenza stampa 2021 Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
San Sisto project
24/06/2021
  • Federico Cantini,
  • Chiara Tarantino,
Chiara Tarantino Conferenza stampa con visita guidata al cantiere.
San Sisto Project – Conferenza stampa 2020 Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
San Sisto project
21/09/2020
  • Federico Cantini,
  • Chiara Tarantino,
Chiara Tarantino

Conferenza stampa con visita guidata al cantiere di scavo.

San Sisto Project LIVE – 2021 Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
San Sisto project
13/05/2021
  • Federico Cantini,
  • Chiara Tarantino,
Chiara Tarantino

Il team di ricerca presenta i risultati della prima campagna di scavo in diretta YouTube.

Giovedì 13 maggio 2021 dalle ore 17.00 appuntamento su YouTube con Federico Cantini (direttore dello scavo), Riccardo Belcari, Emanuele Taccola e Chiara Tarantino, per la presentazione ufficiale dei risultati della prima campagna di scavo nel giardino della chiesa di S. Sisto (Pisa), che si è svolta a settembre dello scorso anno.

A pochi giorni dall’inizio delle nuove indagini archeologiche, i ricercatori del Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa presenteranno le informazioni emerse dallo studio della stratigrafia, dei reperti ceramici e dei materiali lapidei, che hanno consentito di ricostruire la storia dell’area dal XII-XIII secolo fino ai giorni nostri.

L’iniziativa si concluderà con il video-documentario girato durante gli scavi da Alessio Sbrana (Cidic – Centro per l’innovazione e la Diffusione della Cultura dell’Università di Pisa).

La presentazione sarà trasmessa in diretta sul canale YouTube dell’Università di Pisa e sulle pagine facebook di Unipi, Media Events, CFSUNIPI e San Sisto Project.

Link alla diretta YouTube di San Sisto Project LIVE: https://youtu.be/0ZIdHn-XRGc

Video San Sisto Project 2020 Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
San Sisto project
10/09/2020 23/10/2020
  • Federico Cantini,
  • Chiara Tarantino,
Chiara Tarantino

A tre settimane dalla fine della prima campagna di indagini archeologiche, l’Università di Pisa ha realizzato un video dedicato al San Sisto project.

Raccontati direttamente dal team di ricerca, il video presenta i primi risultati della campagna di scavo 2020 che si è svolta nell’area della Chiesa di San Sisto a Pisa.

Il video è stato realizzato da Alessio Sbrana per Contenuti digitali e grafica dell’Università di Pisa in collaborazione con Chiara Tarantino.

Profilo Instagram San Sisto Project Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
San Sisto project
25/07/2020
  • Federico Cantini,
  • Chiara Tarantino,
Chiara Tarantino Coordinamento comunicazione: Chiara Tarantino Social media manager: Francesca Lemmi Contenuti: Chiara Tarantino e Francesca Lemmi
Sito web San Sisto Project Produzione e gestione dei beni culturali,
Attività legata allo scavo archeologico,
San Sisto project
25/07/2020
  • Federico Cantini,
  • Chiara Tarantino,
Chiara Tarantino

Coordinamento comunicazione: Chiara Tarantino

Social media manager: Francesca Lemmi

Contenuti: Chiara Tarantino e Francesca Lemmi

Campagna di scavo nel giardino della chiesa di S. Sisto (Pi) – 2021 Produzione e gestione dei beni culturali,
Scavo archeologico e ricognizione,
San Sisto project
17/05/2021 01/10/2021
  • Federico Cantini,
    Chiara Tarantino
    Campagna di scavo nel giardino della chiesa di S. Sisto (Pi) – 2020 Produzione e gestione dei beni culturali,
    Scavo archeologico e ricognizione,
    San Sisto project
    01/09/2020 30/09/2020
    • Federico Cantini,
      Chiara Tarantino Il progetto è ideato, diretto e gestito dal Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa, con i fondi del Progetto di Eccellenza. La documentazione grafica è a cura del LaDiRe (Laboratorio di Disegno e Restauro). Le prospezioni sono realizzate dal Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa. Collabora il CNR, curando prospezioni geoelettriche e carotaggi. Il terreno è di proprietà della Parrocchia di San Sisto, che ne ha gentilmente concesso l’utilizzo. Si ringrazia il Comune di Pisa per la collaborazione alla promozione delle attività.
      Seconda campagna di ricognizioni urbane a Pisa Produzione e gestione dei beni culturali,
      Scavo archeologico e ricognizione,
      Attività singola 04/05/2021 14/07/2021
      • Gabriele Gattiglia,
      • Claudia Sciuto,
      Francesca Anichini

      Al via la seconda campagna di ricognizioni urbane (Maggio - Luglio 2021), dedicata al censimento dei materiali di reimpiego presenti nell'edilizia del centro storico di Pisa, all'interno del progetto di ricerca "Città Invisibili" (https://www.mappalab.eu/materiali-da-costruzione-pisa/). 
      La campagna è coordinata dalla Dr.ssa Claudia Sciuto e vede coinvolti gli studenti dell'Università di Pisa.

      Ipogei etruschi di Volterra in 3D: una visita virtuale immersiva e interattiva Rapporto tra comunità accademica e soggetti esterni,
      Presentazione di attività del Dipartimento,
      Produzione e gestione dei beni culturali,
      Attività legata allo scavo archeologico,
      Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
      Public Engagement,
      Incontri pubblici/panel con la partecipazione del personale del D.CFS,
      Attività singola 25/09/2019
      • Lisa Rosselli,
      • Emanuele Taccola,
      Emanuele Taccola

      Mercoledì 25 settembre 2019 alle ore 16:30, nella sala Melani di Torre Toscano a Volterra, sono stati presentati i risultati del progetto Ipogei etruschi di Volterra in 3D, ideato e realizzato dai Laboratori di Etruscologia e Disegno e Restauro (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa) e dal Laboratorio Smart (Scuola Normale Superiore), con la collaborazione del Comune di Volterra.

      Il progetto è nato dalla volontà di dotare cittadini, visitatori e appassionati di uno strumento finalizzato alla visualizzazione interattiva in ambienti virtuali di alcune delle principali tombe etrusche scavate nella roccia delle necropoli di Volterra: in altri termini, grazie a questa tecnologia l’utente viene proiettato virtualmente all’interno degli ipogei, dove può muoversi liberamente a 360 gradi e ricavare brevi informazioni testuali, nonché riportare alla luce, in alcuni casi, gli strati identificati dagli archeologi, interagendo su apposite icone.

      Esito di questo lavoro sinergico è stata la creazione di due applicazioni utilizzabili su dispositivi di diversa natura:

      • la prima si basa su una interazione di tipo touch e sarà presto disponibile gratuitamente per smartphone e tablet
      • la seconda, ideata appositamente per il Museo Guarnacci, è utilizzabile indossando uno specifico visore 3D.

      Alla breve presentazione, aperta al pubblico, sono intervenuto Dario Danti, assessore alle Culture del Comune di Volterra, Elena Sorge, funzionario archeologo Soprintendenza ABAP Pisa e Livorno, e Fabrizio Burchianti, direttore del Museo Guarnacci, mentre per l’Università di Pisa hanno parlato Lisa Rosselli ed Emanuele Taccola e per la Scuola Normale Superiore Niccolò Albertini e Marta Martino.

      Al termine dell’incontro, organizzato nell’ambito del mese della cultura 2019, è prevista una dimostrazione pratica dell’applicazione con visore 3D.

      Laboratorio di ricognizioni urbane Produzione e gestione dei beni culturali,
      Scavo archeologico e ricognizione,
      Attività legata allo scavo archeologico,
      Attività singola 01/12/2020 24/02/2021
      • Gabriele Gattiglia,
      • Francesca Anichini,
      • Claudia Sciuto,
      Francesca Anichini

      Il Laboratorio di Ricognizioni Urbane a Pisa si inserisce all'interno del progetto di archeologia contemporanea "WRITES: WRiting Is on ThE wallS" (https://www.mappalab.eu/writes/ )e del progetto "Città invisibili"(https://www.mappalab.eu/materiali-da-costruzione-pisa/ ) , entrambi condotti all'interno del MAPPALab.

      L'attività prevede la documentazione delle tracce archeologiche in ambito urbano e l’eventuale analisi sul campo con mezzi diagnostici portatili. Particolare attenzione è posta alle tecniche murarie (di qualsiasi epoca) e alle tracce di età contemporanea. Le attività sul campo sono completate all’interno del MAPPALab (www.mappalab.eu) con l’analisi della documentazione, l’archiviazione e la gestione informatizzata dei dati.
      Il Laboratorio di Ricognizioni Urbane è strutturato come un'attività di tirocinio bisettimanale e alterna parte di attività all'esterno, per le strade della città, e parte in laboratorio da remoto.

      Seconda campagna di survey archeologico della Versilia montana Produzione e gestione dei beni culturali,
      Scavo archeologico e ricognizione,
      Versilia: Archeologia della montagna di mezzo
      17/05/2021 04/06/2021
      • Gabriele Gattiglia,
      • Francesca Anichini,
      • Gabriele Gattiglia,
      Francesca Anichini

      Al via la seconda campagna di ricognizione nell'area montana della Versilia, territorio estremamente ricco di tracce archeologiche dalla preistoria all’età contemporanea. Obbiettivo dell'indagine è la raccolta di nuovi dati e la verifica delle notizie catalogate dal MAPPALab negli ultimi anni. L’attività prevede il censimento diacronico delle tracce archeologiche, dalla preistoria all’età contemporanea. Le attività sul campo saranno completate all’interno del Laboratorio MAPPA (www.mappalab.eu) con l’analisi della documentazione, l’archiviazione e la gestione informatizzata dei dati. Il programma prevede due settimane di lavoro sul campo, intervallate da 2 settimane di elaborazione dati da remoto:

      ATTIVITA’ sul campo: 17-21 maggio / 31 maggio – 4 giugno
      ATTIVITA’ da remoto: 24-28 maggio / 7-11 giugno

      Possono partecipare laureandi triennali e magistrali, specializzandi, dottorandi dell’Università di Pisa.

      Il survey rientra nelle attività promosse dalla cattedra di Metodologia della Ricerca Archeologica.

      Prima campagna di ricognizione archeologica in Versilia Produzione e gestione dei beni culturali,
      Scavo archeologico e ricognizione,
      Versilia: Archeologia della montagna di mezzo
      12/10/2020 23/10/2020
      • Gabriele Gattiglia,
      • Francesca Anichini,
      • Gabriele Gattiglia,
      Francesca Anichini

      Prima campagna di ricognizione nell'area montana della Versilia, territorio estremamente ricco di tracce archeologiche dalla preistoria all’età contemporanea. Obbiettivo dell'indagine è la raccolta di nuovi dati e la verifica delle notizie catalogate dal MAPPALab negli ultimi anni. Le attività sul campo saranno completate all’interno del Laboratorio MAPPA (www.mappalab.eu) con l’analisi della documentazione, l’archiviazione e la gestione informatizzata dei dati. Il survey rientra nelle attività promosse dalla cattedra di Metodologia della Ricerca Archeologica.

      Ricognizioni dei fronti di cava nell’area dei Monti Pisani (PI) e di Calafuria (LI) Produzione e gestione dei beni culturali,
      Scavo archeologico e ricognizione,
      Attività singola 28/09/2020 08/10/2020
      • Gabriele Gattiglia,
      • Claudia Sciuto,
      Francesca Anichini Attività di documentazione topografica e fotogrammetrica dei fronti di cava antichi presenti nell'area dei Monti Pisani e di Calafuria (LI). La campagna di ricognizione rientra nelle attività della cattedra di Metodologia della Ricerca Archeologica e all'interno del progetto "Città invisibili" coordinato dalla Dr.ssa Claudia Sciuto. L'attività prevede il survey estensivo delle aree interessate con la partecipazione degli studenti dei corsi triennali, magistrali e della Scuola di Specializzazione in Archeologia dell' Università di Pisa.
      Sondaggi di scavo presso la Certosa di Calci – Il giardini della Certosa Produzione e gestione dei beni culturali,
      Scavo archeologico e ricognizione,
      Garden Archaeology alla Certosa di Calci
      05/07/2021 24/07/2021
      • Gabriele Gattiglia,
      • Francesca Anichini,
      • Gabriele Gattiglia,
      Francesca Anichini Continua la collaborazione con il progetto di riqualificazione della Certosa di Calci. Riprendono così le indagini di garden archaeology che, dopo aver indagato i giardini interni alle singole celle dei monaci, adesso interesseranno le parti più esterne del complesso. I sondaggi permetteranno di raccogliere dati fondamentali per la ricostruzione del paesaggio storico e delle essenze presenti nell'area. Le indagini, condotte dalla cattedra di Metodologia della Ricerca Archeologica, sono realizzate in collaborazione con il Museo di Storia Naturale, e si svolgeranno dal 5 al 24 luglio e vedrà coinvolti studenti e dottorandi dell'Università di Pisa.
      Sondaggi di scavo presso la Certosa di Calci – Il giardini dello Speziale e del Padre Maestro Produzione e gestione dei beni culturali,
      Scavo archeologico e ricognizione,
      Garden Archaeology alla Certosa di Calci
      17/02/2020 28/02/2020
      • Gabriele Gattiglia,
      • Maria Letizia Gualandi,
      • Gabriele Gattiglia,
      Francesca Anichini Proseguono le indagini all'interno dei giardini della Certosa di Calci promosse dal MAPPALab. I sondaggi di scavo si inserisco all'interno del più ampio progetto di "Studi conoscitivi e ricerche per la conservazione e la valorizzazione del Complesso della Certosa di Calci e dei suoi Poli Museali” promosso dall'Ateneo di Pisa. Con il coordinamento del Dr. Gabriele Gattiglia, studenti e dottorandi dell'Università di Pisa hanno preso parte alle indagini che hanno interessato due sondaggi all'interno dei giardini delle celle del Padre Maestro e dello Speziale. Le analisi delle essenze arboree e dei pollini presenti nei sedimenti, concorreranno a ricostruire l'assetto originario del giardino.
      Sondaggi di scavo presso la Certosa di Calci – Il giardino del Priore Produzione e gestione dei beni culturali,
      Scavo archeologico e ricognizione,
      Garden Archaeology alla Certosa di Calci
      07/10/2018 15/02/2019
      • Gabriele Gattiglia,
      • Maria Letizia Gualandi,
      • Gabriele Gattiglia,
      Francesca Anichini All'interno del più ampio progetto di "Studi conoscitivi e ricerche per la conservazione e la valorizzazione del Complesso della Certosa di Calci e dei suoi Poli Museali” promosso dall'Ateneo di Pisa, tra il mese di ottobre 2018 e febbraio 2019, il MAPPALab ha condotto una serie di sondaggi archeologici all'interno del giardino della cella del Padre Priore per ricostruire l'assetto originario del giardino e le essenze che lo popolavano. All'attività hanno partecipato studenti e dottorandi del Dipartimento.
      Praedia aperti – Chiedi agli archeologi 2020 Produzione e gestione dei beni culturali,
      Attività legata allo scavo archeologico,
      PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
      21/09/2020 09/10/2020
      • Anna Anguissola,
      • Chiara Tarantino,
      Chiara Tarantino Nei giorni dello scavo a Pompei, all’interno dei Praedia di Iulia Felix, abitazione aperta al pubblico e inserita nel percorso di visita del Parco archeologico, gli archeologi hanno risposto alle domande degli interessati.
      Praedia aperti – Chiedi agli archeologi 2019 Produzione e gestione dei beni culturali,
      Attività legata allo scavo archeologico,
      PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
      01/01/2019 19/07/2019
      • Anna Anguissola,
      • Chiara Tarantino,
      Chiara Tarantino Nei giorni dello scavo a Pompei, all'interno dei Praedia di Iulia Felix, abitazione aperta al pubblico e inserita nel percorso di visita del Parco archeologico, gli archeologi hanno risposto alle domande dei numerosi interessati.
      Profilo Instagram di “Praedia project” Produzione e gestione dei beni culturali,
      Attività legata allo scavo archeologico,
      PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
      01/01/2019
      • Anna Anguissola,
      • Chiara Tarantino,
      Chiara Tarantino Profilo Instagram di "Praedia project. Pompeian Residential Architecture. Environmental, Digital, and Interdisciplinary Archive".
      Sito web Praedia project Produzione e gestione dei beni culturali,
      Attività legata allo scavo archeologico,
      PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
      01/01/2019
      • Anna Anguissola,
      • Chiara Tarantino,
      Chiara Tarantino Sito web di "Praedia project. Pompeian Residential Architecture. Environmental, Digital, and Interdisciplinary Archive". Comunicazione: Chiara Tarantino Contenuti: Chiara Tarantino e Riccardo Olivito (Scuola IMT Alti Studi Lucca).
      Campagna di indagine archeologica a Pompei – 2020 Produzione e gestione dei beni culturali,
      Scavo archeologico e ricognizione,
      PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
      21/09/2020 09/10/2020
      • Anna Anguissola,
        Chiara Tarantino Campagna di ricerca a Pompei presso i Praedia di Iulia Felix ennlabito del Progetto PRAEDIA. Il progetto, iniziato nel 2016, è una collaborazione tra il Parco Archeologico di Pompei, la Scuola IMT Alti Studi Lucca, il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Nel triennio 2018-2020 PRAEDIA ha inoltre coinvolto i membri dello SMART Lab della Scuola Normale Superiore. Coordinamento programma in convenzione Maria Luisa Catoni (Scuola IMT Alti Studi Lucca) Massimo Osanna (già Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei) Coordinamento scientifico Anna Anguissola (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa) Riccardo Olivito (Scuola IMT Alti Studi Lucca) Luana Toniolo (Parco Archeologico di Pompei) Direzione dello scavo Marialaura Iadanza (già Parco Archeologico di Pompei) (2019) Luana Toniolo (Parco Archeologico di Pompei) (2020) Supervisione architettonica Arianna Spinosa (Parco Archeologico di Pompei) (2019) Responsabile rilievi e documentazione grafica: Emanuele Taccola (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa) Responsabili misurazioni geofisiche Marco Marchetti (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) Valerio Materni (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) Vincenzo Sapia (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) Stefano Urbini (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) Comunicazione Chiara Tarantino (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa). Partecipanti 9, di cui 8 tra studenti e dottorandi studenti.
        Campagna di indagine archeologica a Pompei – 2019 Produzione e gestione dei beni culturali,
        Scavo archeologico e ricognizione,
        PRAEDIA project (Pompeian Residential Architecture Environmental Digital Interdisciplinary Archive)
        01/07/2019 19/07/2019
        • Anna Anguissola,
          Chiara Tarantino Campagna di ricerca a Pompei presso i Praedia di Iulia Felix ennlabito del Progetto PRAEDIA. Il progetto, iniziato nel 2016, è una collaborazione tra il Parco Archeologico di Pompei, la Scuola IMT Alti Studi Lucca, il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell'Università di Pisa e l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Nel triennio 2018-2020 PRAEDIA ha inoltre coinvolto i membri dello SMART Lab della Scuola Normale Superiore. Coordinamento programma in convenzione Maria Luisa Catoni (Scuola IMT Alti Studi Lucca) Massimo Osanna (già Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei) Coordinamento scientifico Anna Anguissola (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa) Riccardo Olivito (Scuola IMT Alti Studi Lucca) Luana Toniolo (Parco Archeologico di Pompei) Direzione dello scavo Marialaura Iadanza (già Parco Archeologico di Pompei) (2019) Luana Toniolo (Parco Archeologico di Pompei) (2020) Supervisione architettonica Arianna Spinosa (Parco Archeologico di Pompei) (2019) Responsabile rilievi e documentazione grafica: Emanuele Taccola (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa) Responsabili misurazioni geofisiche Marco Marchetti (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) Valerio Materni (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) Vincenzo Sapia (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) Stefano Urbini (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) Comunicazione Chiara Tarantino (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa). Partecipanti 8, di cui 6 tra studenti e dottorandi studenti.
          Pagina Instagram del Pisa Progetto Suburbio Produzione e gestione dei beni culturali,
          Attività legata allo scavo archeologico,
          Pisa Progetto Suburbio
          01/10/2020
          • Fabio Fabiani,
            Fabio Fabiani Pagina Instagram del Pisa Progetto Suburbio. Social media manager: Germana Sorrentino.
            Pagina Facebook del Pisa Progetto Suburbio Produzione e gestione dei beni culturali,
            Attività legata allo scavo archeologico,
            Pisa Progetto Suburbio
            10/10/2020
            • Fabio Fabiani,
              Fabio Fabiani Pagina Facebook del Pisa Progetto Suburbio. Social media manager: Germana Sorrentino
              Sito web del progetto Pisa Suburbio Produzione e gestione dei beni culturali,
              Attività legata allo scavo archeologico,
              Pisa Progetto Suburbio
              01/10/2020
              • Fabio Fabiani,
                Fabio Fabiani Sito web dedicato alla ricerca archeologica nel suburbio pisano.
                Campagna di scavo archeologico 2021 Produzione e gestione dei beni culturali,
                Scavo archeologico e ricognizione,
                Pisa Progetto Suburbio
                07/06/2021 30/07/2021
                • Fabio Fabiani,
                  Fabio Fabiani Nel suburbio di Pisa, un fitto tessuto di abitati, necropoli e strutture produttive riflette le alterne fortune della città. L’ex Area Scheibler, presso l’attuale stazione di San Rossore, testimonia in modo esemplare come la trasformazione di strutture economiche, sociali e culturali si compia spesso negli usi differenti dei medesimi luoghi. Limitate indagini svolte in passato hanno infatti mostrato come a un fitto insediamento di capanne di età etrusca segua una riconversione agricola in età romana con opere di bonifica legate alla centuriazione. In età augustea è realizzato un grande complesso, forse una villa suburbana, tra i ruderi della quale, in epoca tardoantica, si impianta un abitato di una comunità che seppellisce i propri defunti nella stessa area.  In quest’area l’Università di Pisa, sotto la direzione scientifica del prof. Fabio Fabiani, svolgerà uno scavo didattico dal 07 giugno al 30 luglio 2021.
                  Visite alla Gipsoteca nella “Notte dei musei” 2019 Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
                  Valorizzazione della Gipsoteca di arte antica
                  18/05/2019
                  • Pierluigi Barrotta,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Sabato 18 maggio 2019, apertura straordinaria della Gipsoteca nella “Notte dei musei”, con visite guidate a cura di Chiara Tarantino e Francesca Lemmi. Manifestazione della Regione Toscana, inziativa organizzata in collaborazione con Sistema museale di Ateneo.
                  Visita tematica “Alla scoperta dei Musei dell’Università di Pisa” Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
                  Valorizzazione della Gipsoteca di arte antica
                  13/03/2019
                  • Pierluigi Barrotta,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Il 13 marzo 2019, Chiara Tarantino accoglierà i visitatori della Gipsoteca nell'ambito dell'inziativa “Alla scoperta dei Musei dell’Università di Pisa”, organizzato dal Sistema museale di Ateneo.
                  “Prezioso, sontuoso ed elegante. Evidenze scientifiche sull’uso del colore nella statuaria del Partenone” – Seminario di Giovanni Verri Rapporto tra comunità accademica e soggetti esterni,
                  Collaborazione del personale del Dipartimento ad associazioni/strutture con finalità di Terza Missione,
                  Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
                  Tra Arte e Scienza
                  30/11/2020 30/11/2020
                  • Mattia Patti,
                  • Mattia Patti,
                  Mattia Patti

                  Lunedì 30 novembre 2020 alle 17:00 si è tenuto (on line, su piattaforma Teams) il seminario di Giovanni Verri, conservation scientist dell’Art Institute di Chicago, dal titolo Prezioso, sontuoso ed elegante. Evidenze scientifiche sull’uso del colore nella statuaria del Partenone.

                  Giovanni Verri è tra i più stimati ricercatori nel campo degli studi tecnico-scientifici sul patrimonio culturale. Prima di approdare all’Art Institute ha lavorato a lungo nei laboratori scientifici del British Museum (fra l’altro), si è occupato molto di imaging e ha pubblicato studi molto importanti sul Blu egiziano.

                  Il seminario fa parte del Ciclo di incontri “Tra arte e scienza” organizzato dal Corso di laurea Magistrale in Storia e Forme delle Arti Visive, dello Spettacolo e dei Nuovi Media.

                  Visite guidate in Gipsoteca “La musica nel mondo greco. Miti e tradizioni” – Fior di Città 2020 Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
                  Valorizzazione della Gipsoteca di arte antica
                  20/09/2020
                  • Pierluigi Barrotta,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Dal 18 al 20 settembre torna a Pisa “Fior di Città – Pisa in Fiore“, evento dedicato alla tutela della natura e alla cura del verde in ambito urbano, giunto all’XI edizione. In occasione della manifestazione, domenica 20 settembre 2020 la Gipsoteca di Arte Antica dell’Università di Pisa effettuerà un’apertura straordinaria dalle 16.00 alle 20.00. L’iniziativa è organizzata e curata da Chiara Tarantino (Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere) e Stefano Landucci (Sistema Museale di Ateneo), con il supporto di Francesca Lemmi.
                  Mostra “Sacred – Ripensare l’arte antica” Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
                  Sacred. Ripensare l’arte antica
                  26/09/2019 24/10/2019
                  • Pierluigi Barrotta,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Il 26 settembre 2019 alle ore 18:30, presso la Gipsoteca di Arte Antica (piazza S. Paolo all’Orto, Pisa), si inaugura la mostra “Sacred – Ripensare l’arte antica” organizzata dal Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere in collaborazione con la Gipsoteca di Arte Antica e il Sistema Museale di Ateneo. In occasione dell’inaugurazione, Silvia Panichi presenterà il catalogo, pubblicato da Edizioni ETS; introdurrà Pierluigi Barrotta, direttore del dipartimento Civiltà e forme del sapere; saranno presenti Chiara Tarantino, curatrice della mostra e del catalogo, e Andrea De Ranieri, autore delle opere esposte. Il brindisi di apertura della mostra sarà offerto dalla cantina Badia di Morrona (Terricciola, Pisa). La mostra, a ingresso gratuito, sarà visitabile fino al 24 ottobre in orario di apertura regolare del museo.
                  Sacred. Ripensare l’arte antica. Conferenza della curatrice Chiara Tarantino Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
                  Sacred. Ripensare l’arte antica
                  16/10/2019
                  • Pierluigi Barrotta,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Mercoledì 16 ottobre 2019 alle ore 16:30, presso la Gipsoteca di Arte Antica dell’Università di Pisa (Piazza San Paolo all’Orto 20, Pisa), nell’ambito degli eventi legati alla mostra “Sacred. Ripensare l’arte antica” si svolgerà la conferenza dell’ideatrice della mostra e curatrice del catalogo Chiara Tarantino. La conferenza è organizzata dall’Archeoclub d’Italia – sede di Pisa, in collaborazione con il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere e il Sistema Museale di Ateneo.
                  Seminario on line “Gipsoteca di arte antica dell’Università di Pisa. Un museo da frequentare” di Chiara Tarantino Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
                  Valorizzazione della Gipsoteca di arte antica
                  07/05/2020
                  • Pierluigi Barrotta,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Giovedì 7 maggio 2020, dalle 10.30 alle 12.00, i musei umanistici dell’Università si presentano nell’ambito di un ciclo di incontri sulle risorse turistiche delle Terre di Pisa, organizzato dalla Camera di commercio di Pisa. Il seminario on line "Gipsoteca di arte antica dell'Università di Pisa. Un museo da frequentare" di Chiara Tarantino, rientra nell’offerta formativa gratuita dedicata al settore turistico ricettivo del territorio. Il seminario, aperto a tutti, si svolgerà attraverso la piattaforma Hangouts meet. Per partecipare è necessario iscriversi attraverso il form disponibile al link: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSeF3IknhG7y_JbZFv2LUhd_moD_CwhKtW8MNM35vVFPatusrA/viewform. Gli iscritti riceveranno il link di invito il giorno prima dell’incontro.
                  Seminario per le scuole “I Tirannicidi e il primo monumento simbolo di libertà” di Chiara Tarantino Public Engagement,
                  Iniziative pubbliche/eventi/manifestazioni per il mondo della scuola, bambini, ragazzi e famiglie,
                  Educazione museale e attività per le scuole secondarie di II grado
                  26/04/2021 26/04/2021
                  • Simone Maria Collavini,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Lunedì 26 aprile 2021 alle 11.00, si svolgerà la lezione interattiva a distanza “I Tirannicidi e il primo monumento simbolo di libertà” a cura di Chiara Tarantino (dipartimento di Civiltà e forme del sapere). L’iniziativa, rivolta alle scuole secondarie di II grado, rientra nelle attività della Giornata della Solidarietà, organizzata dall’Associazione Nicola Ciardelli, in collaborazioni con le istituzioni cittadine. La lezione è organizzata in collaborazione con Stefano Landucci (Sistema museale di Ateneo) e Francesca Lemmi. Gli studenti saranno accolti virtualmente dalla Gipsoteca di arte antica. Dopo una breve introduzione sulla collezione, sarà presentato un approfondimento sul monumento dedicato nel V sec. a.C. agli ateniesi Armodio e Aristogitone, che avevano ucciso il tiranno Ipparco. La singolare storia delle statue che li rappresentavano racconta come un monumento possa diventare simbolo di libertà e fonte di ispirazione. Per prenotazioni educazione.gipsoteca@sma.unipi.it
                  Un progetto di integrazione sociale raccontato dai partecipanti. Primi risultati di CultureLabs Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
                  CultureLabs progetto europeo di inclusione e mediazione
                  12/04/2021
                  • Pierluigi Barrotta,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Si è conclusa la prima fase del progetto europeo Culture Labs (Programma Horizon 2020), che propone approcci innovativi e partecipativi per favorire processi di inclusione sociale ed emancipazione culturale, facendo leva sul patrimonio culturale. Al suo interno, il progetto pilota “Così distante, incredibilmente vicino. Italia”, curato da Fondazione Sistema Toscana, ha coinvolto le collezioni del Sistema Museale di Ateneo. Le iniziative della Gipsoteca di Arte Antica sono state ideate e gestite da Chiara Tarantino (Dipartimento di Civiltà e forme del sapere). L’esperienza è stata raccontata dai partecipanti – migranti, studenti delle scuole superiori, operatori – attraverso interviste, storie e fumetti. Culture Labs
                  Avvio del progetto europeo CultureLabs – Programma Horizon 2020 Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
                  CultureLabs progetto europeo di inclusione e mediazione
                  16/01/2020
                  • Pierluigi Barrotta,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Il 16 gennaio 2020 prendono avvio le attività del progetto CultureLabs dedicate al patrimonio archeologico. CultureLabs è un progetto europeo del programma Horizon 2020, che propone approcci innovativi e partecipativi per favorire processi di inclusione sociale ed emancipazione culturale, facendo leva sul patrimonio culturale. CultureLabs realizza quattro progetti pilota, quello che riguarda Pisa si intitola “Così distante, incredibilmente vicino. Italia” ed è curato da Fondazione Sistema Toscana, in collaborazione con il Sistema Museale di Ateneo e il Dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell’Università di Pisa. Nello specifico, saranno svolte, a cura di Chiara Tarantino, visite guidate alla collezione della Gipsoteca di arte antica rivolte a immigrati di seconda generazione e mirate all’inclusione sociale e mediazione culturale. Per i dettagli sul progetto completo https://culture-labs.eu. Culture Labs
                  Progetto educativo “Nel/Col/Dal… Musei civici di Livorno in DaD” – Linea PCTO Job Placement e promozione dell'imprenditorialità,
                  Attività correlata ai tirocini curriculari ed extracurriculari,
                  Rapporto tra comunità accademica e soggetti esterni,
                  Contratto conto-terzi e convenzioni con soggetti esterni,
                  Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
                  Formazione Continua,
                  Attività di Formazione continua rivolta a scuole,
                  Public Engagement,
                  Iniziative pubbliche/eventi/manifestazioni per il mondo della scuola, bambini, ragazzi e famiglie,
                  Progetto educativo Nel/Col/Dal... musei civici di Livorno in DaD
                  01/10/2020 31/08/2021
                  • Antonella Gioli,
                  • Antonella Gioli,
                  Antonella Gioli Nell’ambito della pluriennale attività di educazione al patrimonio culturale svolta da Museia-Laboratorio di cultura museale, la Linea PCTO-Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento, realizzata in collaborazione con il Comune di Livorno (partner da anni), è destinata a studenti dell’ultimo triennio di Scuole secondarie di 2° grado di Livorno. Nell'a.s. 2020/21 partecipano 32 gruppi di massimo 10 studenti, per un totale di 300 studenti di 4 istituti. Le attività, svolte su piattaforme online, partono da opere del Museo civico “Giovanni Fattori” e del Museo della Città-Luogo Pio Arte Contemporanea per svilupparsi in maniera coprogettata, interattiva e interdisciplinare. Gruppo di lavoro: responsabile scientifico Antonella Gioli con la collaborazione di Sonia Lazzeri, Martina Lerda, Caterina Romagnoli; educatori incaricati e borsisti Sara Bruni, Marina Sabatini, Rita Salis; tirocinanti triennali SBC, magistrali SAVS, Scuola di Specializzazione in Beni Storico-Artistici.
                  Il Castello si mostra Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
                  Public Engagement,
                  Seminari, mostre, festival, caffè letterari, concerti aperti alla comunità,
                  Attività singola 14/01/2020 30/12/2020
                  • Simonetta Menchelli,
                  • Lisa Rosselli,
                  • Elisabetta Starnini,
                  • Antonio Fornaciari,
                  • Simonetta Menchelli,
                  • Cristiana Petrinelli Pannocchia,
                  • Lisa Rosselli,
                  • Elisabetta Starnini,
                  • Emanuele Taccola,
                  Elisabetta Starnini Collaborazione alla realizzazione dei pannelli espositivi per l'iniziativa "Il Castello si mostra" che presenta l'archeologia del territorio di Vecchiano dalla Preistoria fino al Medioevo. L'iniziativa, promossa dal G.A.V., Gruppo Archeologico Vecchianese, sotto la guida della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Pisa e Livorno in collaborazione con il Comune di Vecchiano, ha coinvolto diversi docenti e ricercatori del Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere nella redazione dei contenuti dei pannelli, curati in modo da divulgare al pubblico le scoperte e la lunga storia del territorio. La mostra, inizialmente programmata a Vecchiano in concomitanza con la Fiera Primavera che si sarebbe dovuta svolgere ad Aprile 2020, sarà inaugurata e aperta al pubblico nel 2021, non appena cessata l'emergenza sanitaria della pandemia Covid-19.  
                  Tirocinio per digitalizzazione Job Placement e promozione dell'imprenditorialità,
                  Attività correlata ai tirocini curriculari ed extracurriculari,
                  Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
                  Cartoline della Grande Guerra
                  15/09/2018 31/10/2018
                  • Enrica Salvatori,
                  • Enrica Salvatori,
                  Enrica Salvatori Invio di un tirocinante per digitalizzazione ed esizione digitale dell'album della collezione Borghi
                  Intervento del conservatore del Museo Etnografico della Spezia Giacomo Paolicchi a lezione nel corso di Storia Pubblica Digitale Rapporto tra comunità accademica e soggetti esterni,
                  Collaborazione del personale del Dipartimento ad associazioni/strutture con finalità di Terza Missione,
                  Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
                  Cartoline della Grande Guerra
                  04/10/2018 04/10/2018
                  • Enrica Salvatori,
                  • Enrica Salvatori,
                  Enrica Salvatori Intervento nel corso di Storia Pubblica Digitale del conservatore del Museo Etnografico della Spezia del conservatore Giacomo Paolicchi relativamente a un progetto congiunto di pubblcazione, codifica e annotazione di due corpora di cartoline della grande guerra. In particolare:
                  Album di cartoline illustrate di Oliva Turtura (collezione Borghi)
                  Cartoline testuali inviate da diversi a un pastore evangelico residente a Spezia
                  Realizzazione nuovi pannelli didattici al Museo Preistorico della Val Varatella “Nino Lamboglia” presso le Grotte di Toirano (SV) Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
                  Toirano revisited: nuove ricerche alla grotta della Bàsura
                  01/12/2020 04/01/2021
                  • Elisabetta Starnini,
                  • Elisabetta Starnini,
                  Elisabetta Starnini L'iniziativa è nata in collaborazione tra l'Università di Pisa, il Comune di Toirano e il Museo Archeologico del Finale e rientra tra quelle inserite nel progetto "Toirano revisited" che prevede la ripresa degli studi scientifici di questo importante complesso della Preistoria europea, lo studio dei materiali e delle evidenze raccolte a partire dal secolo scorso con ricerche e scavi condotti anche dall'Università di Pisa, la valorizzazione dei beni e la disseminazione dei risultati tra i cittadini e il pubblico, al fine di risollevare l'interesse culturale nei confronti di queste grotte. Sono stati realizzati tre pannelli didattici che completano l'allestimento di altrettante vetrine con i reperti più importanti che provengono dalle grotte del comprensorio: uno scheletro quasi completo di Lince dalla Grotta del Gattopardo, i materiali del Paleolitico della Grotta del Colombo e S. Lucia Superiore, e quelli dal Neolitico all'età romana da varie grotte del comprensorio.
                  Seminario per le scuole “Arte greca: bellezza eroica e scandalosa” di Chiara Tarantino Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolte in collaborazione con lo SMA,
                  Educazione museale e attività per le scuole secondarie di II grado
                  10/03/2021 10/03/2021
                  • Simone Maria Collavini,
                  • Chiara Tarantino,
                  Chiara Tarantino Mercoledì 10 marzo 2021 alle 15.00, Chiara Tarantino (dipartimento di Civiltà e forme de sapere) incontrerà virtualmente gli studenti delle scuole superiori con una presentazione sul tema “Arte greca: bellezza eroica e scandalosa”, proposta a partire da una riflessione sulla collezione della Gipsoteca di arte antica. All’incontro parteciperà Stefano Landucci (Sistema museale di Ateneo). L'iniziativa rientra nel ciclo “Il Museo a Scuola”, ideato dal Sistema museale di Ateneo per le scuole superiori, con la finalità di spiegare che cosa è un museo, quale parte della nostra identità conserva per noi e come possa essere nel futuro. Proprio adesso che la pandemia ci impedisce di frequentare con regolarità scuole e musei diventa essenziale interrogarci sul significato di queste istituzioni e sull’importanza dei loro spazi fisici. Per partecipare collegarsi al canale YouTube Video Sma Unipi. Info e Contatti: info@sma.unipi.it https://www.sma.unipi.it/2021/02/il-museo-a-scuola
                  Allestimento esposizione permanente raccolta d’arte presso l’Oratorio del SS. Crocifisso di Roccalbegna (Grosseto). Produzione e gestione dei beni culturali,
                  Attività svolta in collaborazione con struttura museale esterna,
                  Attività singola 10/08/2018 20/08/2018
                  • Cecilia Iannella,
                    Cecilia Iannella L'attività è consistita nel riordino e allestimento espositivo permanente della raccolta d'arte e di arredi sacri conservati presso l'oratorio del SS. Crocifisso di Roccalbegna (Grosseto). Oltre a un pregevole crocifisso ligneo attribuito a Luca di Tommè (metà XIV secolo), la raccolta consta prevalentemente di tavole e arredi del periodo moderno (XVII-XVIII), tra cui spiccano opere di Francesco Nasini e Sebastiano Folli. Si cfr. Museo di Roccalbegna (Grosseto)
                    Scavo Archeologico ex Area Scheibler Produzione e gestione dei beni culturali,
                    Scavo archeologico e ricognizione,
                    Public Engagement,
                    Pubblicazioni divulgative, siti web, blog e profili social,
                    Pisa Progetto Suburbio
                    14/11/2020 24/11/2020
                    • Fabio Fabiani,
                      Fabio Fabiani Vecchie indagini presso la ex Area Scheibler, finalizzate al controllo del potenziale archeologico per la progettazione di complessi edilizi universitari, avevano rilevato la presenza di una stratificazione di lunga durata. In particolare, un’abbondante quantità di materiali di età romana è stata sufficiente per intuire la presenza nella zona di un considerevole complesso edilizio. Altro straordinario contesto è la necropoli di età longobarda pertinente a una comunità insediata nell’area. I dati dei vecchi scavi costituiscono la base di partenza per l’avvio di nuove indagini, impostate questa volta con le strategie e le modalità di uno scavo di ricerca e di didattica per gli studenti del corso di studio triennale in Beni Culturali, del corso di laurea magistrale in Archeologia e della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici. i canali social del Dipartimento rappresenteranno l’occasione per comunicare a tutti gli interessati i risultati della ricerca in progress.